Abito da sposa scivolato a Ferrara: per la sposa elegante, sensuale e dallo stile sofisticato


L’abito da sposa scivolato dalle linee intermedie rappresenta la scelta della sposa che non ama né gli abiti principeschi, reputati troppo importanti ed ingombranti, né i vestiti da sposa aderenti e fascianti come quelli a sirena, in cui non riuscirebbe a sentirsi a proprio agio.

Abito da sposa scivolato: chi può indossarlo?


Di norma è una sposa che adora un genere sobrio ma che, al contempo, è alla ricerca di una nota di particolarità che non la faccia apparire anonima.

Nessun timore da questo punto di vista: l’abito da sposa stile scivolato, ed in modo particolare nel 2018 e 2019 sarà un concentrato di eleganza, sensualità e stile sofisticato.

Cosa che posso affermare con cognizione di causa, essendo già presente nel mio atelier Nozze Care Nozze a Voghiera (Ferrara) anche l’assortimento per le spose che convoleranno a nozze nel 2019.

La tendenza della moda sposa degli ultimi anni ci riporta ad effetti di abiti da sposa morbidi:

dall’abito da sposa con gonna scivolata, all’abito da sposa scivolato in pizzo, ai pregiati abiti da sposa in seta e pizzo, agli integrali abiti da sposa scivolati in seta, la varietà di scelta permette di avere una selezione per i gusti più disparati.

La vera questione è invece:
Abito da sposa a sirena

“Il capo scivolato, se non piace l’abito da sposa principesco o il fasciante abito a sirena, può essere l’alternativa giusta per tutte le spose?”


In generale abiti da sposa morbidi e dalle ampiezze intermedie, come quello in foto si ritiene che siano indicati per tutte le spose, qualsiasi sia la loro fisicità.

Questo assunto non è totalmente giusto anzi, forte della mia pluriennale esperienza di bridal stylist, devo proprio (ahinoi) ritrattarlo!

Spesso spinte da una carenza di inclinazione verso abiti principeschi o abiti troppo fascianti, -sollecitate da esigenze di praticità e, non da ultimo, incoraggiate dalla moda degli ultimi tempi (che ci ha abituato ad immagini fluenti e leggere), le spose arrivano in atelier convinte di poter bene indossare l’abito dalle linee scivolate.

Sono molto snella, non amo l’abito a principessa, con il sirena mi sentirei ridicola, di certo voglio un abito da sposa morbido senza volume!”

“Ho i fianchi molto larghi e pancia non piatta, devo nascondere i ‘difetti’: non posso certo mettere un abito da sposa ampio che mi farebbe sentire ancora più formosa di quello che sono!?!”

“Per il mio matrimonio, di certo indosserò un abito da sposa leggero: sul web mi sono piaciuti solo quelli; poi la moda degli ultimi tempi ci fa solo vedere abiti da sposa scivolati insieme ai vestiti da sposa a sirena elasticizzati: non potendomi permettere i secondi devo per forza indossare un abito da sposa stile scivolato … è la moda che ce lo chiede!”
Queste sono solo alcune delle affermazioni di assoluta certezza da parte di molte spose che al 90% vengono, implacabilmente, smentite dalla “prova specchio”!

Infatti, una sposa esageratamente magra e priva di forme potrebbe non vedersi valorizzata da un effetto troppo smunto come, se pure per opposte motivazioni, una sposa dal busto piccolo e dai fianchi molto larghi o dalla pancia troppo pronunciata potrebbe non essere aiutata dalle linee di un abito morbido, rischiando un antiestetico effetto premaman.

Una sposa bassa o alta che sia, invece, dalla fisicità regolare e ben proporzionata potrebbe giovarsi indossando un abito da sposa scivolato ma come in tutti i casi non potremo mai affermarlo con assoluta certezza: è sempre lo specchio a “raccontarci” come stanno le cose.

Quando accolgo le mie spose, ascoltando le loro esigenze e consigliandole, una alla volta, nel mio intimo show room in provincia di Ferrara, per regalare loro quella riservatezza necessaria, appropriata secondo me per una valutazione così delicata (che mal si concilia con grandi negozi con una infinità di clienti in attesa e commesse che corrono a destra e manca), mi sorprendo sempre delle convinzioni inculcate nella loro mente da categoriche catalogazioni legate alle taglie ed alla forma del corpo, elargite spesso con fare spicciolo sul web o altrove.

Gli abiti da sposa vanno indossati e valutati sul fisico di ogni sposa, caso per caso.

Un vestito da sposa scivolato per sua stessa definizione è realizzato con una linea morbida e fluente, pertanto poco strutturata.

La prima cosa che determina questa caduta poco sostenuta, insieme al taglio sartoriale, è il tipo di tessuti adoperati per la realizzazione dell’abito da sposa modello scivolato:


dallo chiffon, alla georgette, alla organza rigorosamente in purissima seta (l’organza con composizione sintetica sarà molto più rigida e sostenuta sicché per nulla adeguata), al tulle mano seta , al raso satin ecc.

La loro consistenza cedevole segna ovviamente le curve della sposa, pertanto nell’abito da sposa linea scivolata diventa estremamente importante la scelta
  • del tipo di scollatura;
  • la forma del décolleté;
  • la lunghezza del corpino;
  • la maggiore o minore arricciatura della gonna;
  • la presenza di più o meno fodere e sottogonne.

Una sposa longilinea e priva di curve difficilmente potrà essere valorizzata da questo tipo di modello, così come per ragioni opposte, come si diceva sopra, una sposa con dei fianchi troppo generosi o un addome troppo pronunciato.

Cerchiamo di capire meglio.

Una sposa curvy, ad esempio, sarà aiutata in caso di abito scivolato da un capo con un corpetto più lungo e strutturato: il taglio del corpino ben più basso rispetto a quello del punto vita permette, infatti, alla sposa di non vedersi segnata, nella zona più critica del bacino e dei fianchi, da tessuti che cadono con estrema morbidezza. Inoltre il corpetto più contenitivo svolgerà una funzione modellante su un busto non tonico.

Una sposa taglia regolare bassa sarà probabilmente più valorizzata da un corpetto con taglio sotto il seno o al punto vita, che allunga la figura.
Abito da sposa a sirena
Così una scollatura a V profonda, come quella dell’abito in foto, potrà essere ben indossata da una sposa dalle spalle regolari o piccole (che per effetto ottico risulteranno più larghe, slanciando il collo) , da una sposa con poco seno o con un seno regolare.

Mentre una scollatura all’americana sarà più indicata per il corpetto della sposa dalle spalle larghe, così come un décolleté a sorriso o un décolleté dritto aiuteranno la sposa dal seno abbondante.

Tutti questi accorgimenti personalizzati, a secondo delle esigenze, bilanciano il modello rendendo anche l’abito da sposa scivolato effettivamente adeguato alle reali necessità della sposa.

Per queste ragioni, la creazione di un abito su misura, anche e soprattutto, per il vestito da sposa scivolato, diventa di basilare importanza, in quanto si agisce con cura sul particolare che aiuta in un senso o nell’altro la sposa che indossa un capo destrutturato come l’abito da sposa dallo stile morbido.

Ogni singolo aspetto va declinato in maniera individuale per permettere al capo di ottimizzare al massimo la silhouette della sposa che lo indosserà.

Che si tratti poi di un più tradizionale abito da sposa bianco scivolato o di abiti da sposa avorio scivolati più di tendenza, la scelta della nuance attiene più che altro al gusto della sposa.

Realizzando abiti da sposa personalizzati e su misura, se verrai a trovarmi in atelier a Voghiera (Ferrara), potremo valutare anche questo aspetto e giocare, se sei una sposa che ama le ultime novità, coi colori moda del rosa cipria, rosa antico, del celeste ceruleo, del grigio (anche in contrasto col pizzo avorio e bianco).O addirittura se desideri stupire ancora di più, dando brio alla linea sobria del tuo abito scivolato, potremo applicare ricami e pizzi colorati a contrasto e a degradé.
Abito da sposa a sirena
L’abito da sposa scivolato in foto è caratterizzato da un corpino in semitrasparenza, con particolari intagli a motivi floreali, che seguono la forma a"V" della profonda scollatura ricamata.

La V della parte antistante del corpetto è richiamata poi sulla schiena regalando al capo, insieme alla scollatura omerale, un motivo alla moda, molto romantico.

L'outfit è completato da una gonna in tessuto morbido di tulle, leggermente arricciato nel punto di congiunzione col corpetto.

A secondo dei casi prima analizzati:

1) Si manterrà, per una sposa taglia regolare, la sensuale semitrasparenza del corpetto ovvero si prevedrà un corpetto più strutturato, foderato ed eventualmente più lungo, per aiutare la sposa taglia morbida.

2) Si potrà optare, per contenere un seno più generoso, per un décolleté più accollato rispetto a quello in foto: uno scollo a V profondo , come quello indossato dalla modella, ha bisogno infatti di un seno piccolo o regolare.

3) Si potrà prevedere al posto dei ricami a motivi floreali un più tradizionale pizzo anche eventualmente con base in chantilly e contrasto in rebrodé o macramé, pure con effetti a degradé sulla gonna e quindi con tagli meno netti di quelli del capo campione.

4)Si potrà realizzare una gonna in organza morbidissima o in chiffon o georgette, qualora la sposa non sia amante del tulle.

In generale si tratta di un modello fine ed elegante per una sposa che desidera un evento curato senza eccessi.

Indifferentemente può essere indossato in un matrimonio civile o religioso ed, in questo ultimo caso, coordinato anche ad un velo da personalizzare a secondo delle esigenze della sposa e del suo evento.


Barbara Nocita
Bridal Stylist Nozze Care Nozze

Fissa un appuntamento per una consulenza senza impegno. Posso aiutarti a trovare il tuo abito dei sogni. Lasciami un messaggio via Whats App, rispondo sempre di persona appena possibile.